"Afa" di Marco Rufini: ecco la "recensione" di Paolo Trotta