La raccolta fondi

La raccolta dei fondi.

La campagna del Comitato iniziò il 16 ottobre, con la presentazione dello spazzaneve, già commissionato e disponibile. Era carico di ricambi ed attrezzi specifici per lavorare la neve, addobbato e colorato con scritte che richiamavano l'attenzione dei cittadini USA all'iniziativa umanitaria. Una spettacolare parata alla quale partecipò la società italo-americana di Jersey City e città limitrofe. Secondo la testimonianza di John Paglione furono presenti circa 400 emigrati capracottesi giunti da Bristol, Burlington e da Trenton. Parteciparono: il corpo dei pompieri, la polizia ed un gruppo di 50 alunne delle scuole secondarie, che indossavano i costumi caratteristici dell'Abruzzo e del Molise. John Paglione scrive tra l'altro che in quella occasione :.."Al discorso di presentazione Zampella diceva -questo non è solo un macchinario per pulire la neve, ma è un simbolo di fratellanza e amicizia che regna tra il popolo italiano e gli italiani d'america provenienti da tutte le regioni-" ... Aggiunge il Paglione: "L'acquisto dello spazzaneve a Jersey City è diventato l'ordine del giorno, ma non potete immaginare quanto è diventata grossa la faccenda come si è messo in moto una intera città" .. In un'altra lettera torna sull'argomento e dice: " la città di Jersey City è una città di 300.000 abitanti, città industriale, con molti uomini illustri italiani, di cultura e commercio ed ecco perché è facile raccogliere la somma ".... La parata, attraverso varie e importanti strade della città, si concluse al Journal Square Plaza, dove lo spazzaneve rimase esposto fino ad operazione conclusa.

La Campagna di solidarietà si chiuse il 9 dicembre con una serata di grande festa chiamata "Carnevale delle stelle". La festa all'Armony di Jersey City. Intervennero numerosi artisti e atleti famosi, stelle di Hollywood. Ricordiamo tra tutti Frank Sinatra.

LA BELLA NOTIZIA: RACCOLTI I 20.000 DOLLARI.

Il giornale "THE NEW YORK TIMES" del 10.12.1949 con una nota speciale in una pagina interna annuncia l'avvenuta raccolta dei fondi necessari al pagamento di Clipper e titola: "Italian Villane Assured Of Jersey City Snowplow" (Paese Italiano rassicurato dallo spartineve di Jersey City), e scrive: ... "Il Giudice comunale Edward Zampella ha annunciato ad una celebrazione di 8.000 persone nell'Araldica di Jersey City che alla fine delle sei settimane promosse per la raccolta dei fondi, la quota è stata raggiunta. Ha aggiunto che domani vorrebbe consultarsi con rappresentanti dell'American Export Line per organizzare la spedizione dello spartineve e che, James Dunn, Ambasciatore Americano in Italia, vorrebbe consegnarlo al Sindaco di Capracotta, Dr. Gennaro Carnevale, nella città di Napoli."

Il Dono di Natale. Il Comitato per Capracotta raggiunto il primo obiettivo, la somma necessaria al pagamento di Clipper, se ne pose un secondo: far giungere il dono in Italia per Natale. Lo spazzaneve fu raffigurato su un volantino pubblicitario incellofanato e infiocchettato in un "pacco dono", pronto per la consegna. Mostrato insieme al promotore dell'iniziativa, John Paglione.