Mario Di Nucci

Mario Di NucciMario Di Nucci, a cui è intitolata la pista di sci di fondo, è stato il più grande campione di fondo espresso da Capracotta. Nato nel 1918, unico di otto figli a fare sport, è morto nel 1975. Entrato in Finanza nel 1936, ha fatto parte della nazionale italiana partecipando ai Mondiali di Cortina del 1941 (non riconosciuti dalla FIS) e a numerosi campionati italiani formando con Giacinto De Cassan e Giovanni Scandola una temibile staffetta.

Ritiratosi nel 1943, ha poi lavorato per l'ATAC, l'azienda tramviaria di Roma.

"Era un uomo forte e generoso, pieno di vita e di umanità - lo ricorda il fratello minore Italo - ha fatto anche l'istruttore di sci per Casa Savoia".

"Mi raccontava sempre - dice invece il figlio Massimo - di quella volta che prestò i suoi sci ad un altro atleta che li aveva rotti. Per me e per i miei fratelli Walter, Filomena e Raffaella è stato un grande esempio. E siamo felici che la staffetta degli assoluti di Capracotta del 1997 l'abbiano vinta proprio le Fiamme Gialle. E' stato il miglior omaggio alla memoria del finanziere Mario Di Nucci".