Con Don Geremia è scomparsa una eminente figura della nostra comunità religiosa.

Con Don Geremia è scomparsa una eminente figura della nostra comunità religiosa.Un grande uomo che è appartenuto a tutti noi e con la sua dipartita ognuno di noi ha perso un pezzo di se stesso.

Don Geremia, un sacerdote con fondamenti cattolici eccezionali, uomo di Dio, umile, spiritualmente completo, prudente con la tenerezza di un padre e sempre dignitoso, schierato sempre a difesa degli umili, dei più deboli. Un uomo di grandi pensieri, originale e singolare nella sua personalità, radicato tra la gente, un parroco che ha allevato, familiarmente, nella nostra parrocchia intere generazioni di ragazzi e ragazze, molti di essi oggi padri e madri, che vivono e vivranno con il suo ricordo.Un uomo di cultura, intellettualmente ineccepibile, a Lui vanno ascritti riconoscimenti e gratitudine.Grazie per la sua capacità formativa ed educativa, per il suo insegnamento, per il suo essere stato guida eccelsa della Parrocchia di Capracotta, per la sua concretezza, la sua essenzialità. Grazie per l’affetto che ha nutrito nei confronti di tutti noi e per tutto quello che ha fatto. La nostra azione sarà sempre improntata al suo insegnamento e riempita dei suoi ricordi e dei suoi pensieri.Don Geremia, uomo e parroco efficace. In Lui si sono racchiuse tante piccole azioni che hanno fatto grande la sua vita ed educato la nostra comunità.Don Geremia ha costruito un pezzo della nostra storia. Nostro Parroco dal 1967 al 1999 è stato artefice per circa un terzo di secolo della attività parrocchiale di Capracotta ed i suoi insegnamenti oggi sono fatti storici e nessuno può negarne l’importanza per l’impegno che ha profuso in ogni sua quotidiana azione. Sempre impegnato, disposto ad amare ogni giorno della sua esistenza, sempre pronto con la sua presenza in aiuto di chi ne avesse bisogno, sempre pronto a sposare le giuste cause a sostegno delle esigenze di chi vive in aree disagiate.Grazie Don Geremia, grazie a nome mio e da parte di tutta la comunità che rappresento, grazie a nome di chi oggi non è presente a questa cerimonia religiosa, ma che è qui con il suo pensiero nel nobile ricordo dell’insegnamento ricevuto e nella magnifica consapevolezza di avere nel Cielo sempre al nostro fianco, con la sua preghiera, un uomo di così alto spessore umano e religioso. Veglia su tutti noi.

Settembre 2007