Sistemi Turistici Locali, una opportunità da non perdere

Su iniziativa dell’amministrazione comunale di Capracotta si è tenuto nei giorni scorsi un importante incontro dove si è parlato di Sistemi Turistici Locali. Relatori l’Arch. Cucculelli e la dott.ssa Angelone.

Entrambi con esperienze maturate in un STL già operante in Abruzzo (Gran Sasso), hanno tenuto alta l’attenzione dei presenti nell’illustrare le modalità per la costituzione di un STL e del suo funzionamento.
Un STL vede la partecipazione di diversi soggetti, pubblici e privati, che insieme programmano il futuro in un sistema che nasce al di fuori dei confini delle singole comunità.

L’idea lanciata è quella di una collaborazione tra circa trenta amministrazioni comunali distinte in due sotto sistemi, Altissimo Molise e Valle del Volturno – Mainardi, che insieme possono rappresentare un forte volano per la promozione delle nostre bellezze storiche, culturali e delle nostre tradizioni.

Nel corso dell’incontro sono emerse tutte le peculiarità dei territori interessati, sono emerse le forti caratteristiche che lo contraddistinguono, ma nel contempo sono stati evidenziati anche i punti di debolezza e di criticità, da sempre denunciati,  che continuano a persistere in maniera preponderante che limitano le attività di promozione e di maggior sviluppo di un’area che interessa oltre la metà del territorio della provincia di Isernia.

Soprattutto è stata evidenziata la carenza di servizi che ostacola l’offerta e la fruibilità dei nostri tesori storici, architettonici, culturali, paesaggistici e legati alla nostra  tradizioni. Un insieme di beni che deve rappresentare lo strumento cardine su cui devono fare leva i territori del costituendo Sistema Turistico Locale. Oggi su una scala da 1 a 6 di un processo di sviluppo in un sistema integrato, siamo fermi al primo gradino, c’è ancora molto da lavorare, ma ci sono anche le condizioni per farlo. Allora la strada del Sistema Turistico Locale può rappresentare un tentativo per uscire dalle attuali precarie situazioni in cui buona parte del territorio provinciale è venuto a trovarsi.

In numerose Regioni italiane sono già attivi numerosi STL, nella Regione Molise sono totalmente assenti. L’impegno è quello di andare avanti su questa idea, alla luce della normativa vigente e delle decisioni già adottate dall’esecutivo regionale. Un STL può rappresentare una parte di un sistema più ampio che deve andare a sostituire una rete di soggetti (EPT in primis) superati dai fatti e dalle nuove esigenze dei territori.

Nei Sistemi Turistici Locali e nei loro sotto sistemi, si può intravedere la strada che deve portare alla nascita dell’Agenzia Molisana del Turismo, che come unico soggetto deve assumere un ruolo cardine nel processo di coordinamento e di miglioramento dell’offerta turistica regionale.