Presentato il francobollo dedicato al Giardino della Flora Appenninica di Capracotta

La presentazione ufficiale del francobollo dedicato al Giardino della Flora Appenninica di Capracotta, emesso da Posteitaliane in 1,5 milioni di esemplari, oltre a rappresentare un ambito riconoscimento, consacra il Giardino tra le bellezze botaniche italiane, premiando gli sforzi e l’impegno profusi dagli anni ‘90 ad oggi, che hanno consentito di centrare questo importante risultato.

Un riconoscimento di enorme interesse non solo per il nostro Giardino, ma per l’intero Molise che ad oggi ha ottenuto l’emissione di appena 22 francobolli dedicati a personaggi, monumenti o altro. I francobolli sono un veicolo eccezionale di comunicazione, oltre che di conoscenza e rappresentano la storia di una intero Paese. Essi rappresentano monumenti, eventi particolari, fatti storici e, come nel nostro caso, le più autentiche bellezze ambientali nazionali. Un grazie doveroso va al Consorzio che gestisce in maniera egregia il Giardino, dove giungono visitatori non solo dall’Italia, ma anche da oltre i confini nazionali, con numerosi stages che si susseguono di anno in anno e che interessano tanti studenti provenienti da ogni parte del mondo.

Un piccolo gioiello, il Giardino della Flora Appenninica di Capracotta, che va continuamente migliorato. Oggi si estende su un area di 3 ettari, ma potenzialmente potrebbe raggiungere su i 10 ettari di estensione. In questo angolo di paradiso vengono conservati e curati fiori e piante tipiche dell’Appennino Centro Meridionale, un patrimonio che non ha eguali e che va tutelato sotto ogni aspetto. L’Amministrazione Comunale di Capracotta, partner del Consorzio ha dato sempre la massima disponibilità per il miglioramento del Giardino e per la sua promozione, rappresentando per tutto l’Alto Molise una forte attrattiva turistica, specchio di un ambiente sano e protetto.
Insieme al francobollo dedicato al Giardino della Flora Appenninica ne è stato emesso contemporaneamente un’altro dedicato all’Orto Botanico di Padova, il più antico del mondo.