III edizione de "la scummessa de la guardata"

Un momento molto importante per la nostra zootecnia, preludio de La Pezzata.

Torna l’appuntamento con la "La scummessa de la guardata". La manifestazione, giunta alla sua terza edizione, avrà luogo sabato 23 luglio nelle adiacenze degli impianti sportivi di Capracotta. Nelle due precedenti edizioni si sono creati i presupposti perché l’appuntamento si riproponesse nel tempo, diventando un punto fermo nel panorama delle attività legate alla zootecnia, in particolare per l’importanza dell’allevamento degli ovini che vede Capracotta all’apice regionale del settore, detenendo un patrimonio zootecnico di oltre circa 5mila capi. E non è un mistero che la zootecnia ha una notevole importanza economica, culturale e storica e rappresenta le tradizioni e la vita di intere generazioni di capracottesi. È un momento molto importante per la  zootecnia locale  che per secoli ha rappresentato uno dei settori trainanti della economia capracottese. La "Scummessa de la guardata" è anche il preambolo ad un’altra importantissima manifestazione, La Pezzata, che è l’emblema della comunità capracottese. Sul pianoro di Prato Gentile il 1° agosto prossimo  si svolgerà la 45^ edizione di questa grande festa legata alla tradizione della transumanza.
Questo il programma della manifestazione di sabato 23 luglio. Si inizia alle ore 9.00 con il raduno delle greggi. Alle 10.00 Tavola rotonda organizzata dall’ARA, l’Associazione Regionale Allevatori sul tema: "Rintracciabilità dei prodotti: il progetto Italialleva", Dopo i saluti del sindaco Antonio Monaco, gli interventi dei presidenti delle Associazioni Regionali e  Provinciale degli Allevatori, Giuseppe Torrazzo e Giovanni Monaco, e del Direttore dell’ARA Francesco D’Orso. Le conclusioni saranno affidate all’assessore regionale all’Agricoltura Nicola Cavaliere. Alle 11.30 spazio alla rassegna regionale della razza ovina "merinizzata". Quindi la valutazione morfologica dei soggetti a cura di un esperto dell’AssoNAPA. Infine degustazione di prodotti tipici del lattiero-caseario.


Capracotta, 22 Luglio 2010