Giuseppe "Joe" Paglione nella Italian American National Hall of Fame

Un prestigioso riconoscimento per un nostro compaesano in terra d'America.

Avevamo conosciuto Giuseppe quando si è occupato della realizzazione del Monumento all'Emigrante e avevamo potuto apprezzare, accanto alla sua umanità, la sua voglia di fare, di aiutare - nei limiti del possibile - gli altri, la sua testardaggine - da buon montanaro - nel perseguire gli obiettivi che si propone.
Successivamente avevamo potuto constatare direttamente quanto il suo lavoro è apprezzato nell'ambiente degli italiani d'America.

Tra le sue molteplici iniziative merita senz'altro menzione l'aver fondato e presieduto per un lungo periodo un club, "Amici della Lingua Italiana" che vede tra i suoi soci tantissimi italoamericani e il cui scopo è quello di mantenere viva la fiamma dell'Italianità intesa come lingua, cultura e tradizione soprattutto tra le generazioni successive degli emigrati italiani, cittadini americani che hanno avuto e hanno poche opportunità di mantenere un contatto con l'Italia e di poter parlare un corretto italiano, lingua sicuramente ricca, bella, musicale (ogni scarrafone...) e a loro cara ma che, dobbiamo riconoscere, è abbastanza impegnativa da imparare per chi italiano non è e non la pratica tutti i giorni.

Gli sforzi di Joe sono stati premiati da questo prestigioso riconoscimento: il prossimo 2 maggio ad Atlantic City (NJ) ci sarà l'investitura ufficiale nella Italian American National Hall of Fame, un organizzazione fondata nel 1975 che ha lo scopo di riconoscere e di perpetuare la memoria di Italiani o Italoamericani cha abbiano compiuto azioni meritorie nei confronti della loro comunità, del Paese o del mondo o abbiano aiutato le persone in difficoltà e che annovera tra gli altri membri personaggi del calibro di Enrico Fermi, Joe DiMaggio, Rocky Marciano, Mario Lanza e tanti altri.

Facciamo i nostri complimenti a Giuseppe, a sua moglie Peggy che lo sostiene in tutte le sue iniziative e alla sua famiglia  con l'augurio sincero di sempre nuovi ed importanti traguardi.
(FDN)

************

We met Joe when he was involved in the fund raising for "Monumento all'Emigrante" and we had the chance to appreciate, beyond his humaneness, his good will to help - as far as possible - other people, and his stubbornness to reach the goals he had planned.
And in time we had the opportunity to see how much his dedication is held in high regard among Italians living in America.

Among his many enterprises, shines the foundation of "Amici della Lingua Italiana" club of which he is the founder and was the long standing president. Many Italian Americans are members. The club is dedicated to spreading the knowledge of Italian language, culture and tradition. Indeed, many second and third generation Italian Americans, being American citizens, have few chances to keep in touch with Italy and to be able to speak good Italian. It is such a rich, musical, beautiful and beloved language but - admittedly - a hard to learn one if you cannot practice it daily !

Joe's hard work and dedication are deserving of recognition and on May the 2nd in Atlantic City, NJ he will be inducted into the Italian American National Hall of Fame. It is an organization founded in 1975 that is dedicated to recognizing and perpetuating the memory of the consistently outstanding contributions by Italian-Americans to their communities, the country and the world, and that has among its past inductees such important personalities as Enrico Fermi, Joe DiMaggio, Rocky Marciano, Mario Lanza and many others.

Our most heartfelt congratulations to Joe, his supporting wife Peggy and all his family plus a sincere wish for him to fulfill all of his new and important goals.
(FDN)