Gli "americani" accolti dal Clipper

La tromba del vecchio spartineve Clipper ha dato il benvenuto alla comitiva di compaesani che hanno raggiunto ieri Capracotta dagli USA e dal Canada.

E' stata una piacevole ed inaspettata sorpresa: il vecchio ma sempre perfettamente funzionante spartineve che fu donato a Capracotta dagli emigrati in America sul finire degli anni '40 "si è fatto trovare" alle "Fonticelle" insieme a diversi compaesani per accogliere, con il suono inconfondibile della sua tromba, gli amici americani che sono tornati in paese per l'inaugurazione del monumento all'emigrante. Poco ci è mancato, a dire il vero, che dovesse svolgere appieno la sua funzione date le temperature precipitate in picchiata, ma per questa volta il lavoro gli è stato risparmiato.

Sul pulmann proveniente da Fiumicino qualcuno guardava il panorama, qualcun'altro chiacchierava, qualcun'altro sonnecchiava, ma quel suono ha richiamato immediatamente l'attenzione di tutti. Tutti sono voluti scendere a vedere da vicino "il mostro" (come fu definito qualche anno fa alle porte in Isernia in occasione di una manifestazione di protesta) e a fare un po' di foto che si possono vedere qui (un grazie sentito a Umberto Conti).

Poi, guidati dallo spartineve, il pullmann e le altre macchine hanno fatto un chiassoso ed allegro giro del paese con tutti gli abitanti alle finestre...

Quando si dice "i ricorsi della storia"...